PRODOTTI SPECIALI PER EDILIZIA E RESTAURO

Powered by OrdaSoft!

AFONTERMO IL NANOCAPPOTTO

Fustino di AfonTermoAFONTERMO il NANOCAPPOTTO® è il primo cappotto termico riflettente a basso spessore, che , grazie alle  notevoli proprietà termoriflettenti garantisce un risparmio energetico ottimale e un comfort abitativo in ogni stagione, sostituendosi al tradizionale e ingombrante cappotto termico a cellula chiusa.
Composto da inerti termici naturali , si applica, con estrema facilità di posa in opera, in soli 4-6 millimetri di spessore, all’interno o all’esterno dell’edificio, prevenendo o eliminando la formazione di condensa.
L’isolamento termico che si ottiene con AFONTERMO® rende salubre l’ambiente, poiché il prodotto non ostruisce il passaggio dei vapori , ma agevola la traspirabilità muraria. 
Grazie ad AFONTERMO® è possibile riqualificare energeticamente in maniera eccellente qualsiasi involucro edilizio, nell'ottica dell'Edificio ad energia quasi zero (NZEB).

  • Preparazione
    Preparazione
    Applicazione con spatola
    Applicazione con spatola americana
    Applicazione con spatola americana
    Finiture

  • Per visualizzare i documenti da scaricare, devi essere registrato.

  • Cos’è AFONTERMO IL NANOCAPPOTTO® ?

    AFONTERMO IL NANOCAPPOTTO® è un rasante termico dalle proprietà termoriflettenti.

    AFONTERMO IL NANOCAPPOTTO® può essere applicato come cappotto termico?

    Sì, AFONTERMO IL NANOCAPPOTTO® in pochi millimetri sostituisce il cappotto termico tradizionale; è un rasante altamente termoriflettente, caratteristica che determina il suo elevato grado di isolamento termico.

    Cosa si intende per nanocappotto?

    Si intende un cappotto termico dal sottile spessore in grado di sostituire l'ingombrante cappotto termico tradizionale.

    Qual’è il principio su cui si basa AFONTERMO IL NANOCAPPOTTO® ?

    Il principio su cui si basa il funzionamento di AFONTERMO® è la riflettanza, cioè la capacità del prodotto di riflettere la temperatura.

    Cosa è la Riflettanza (R) ?

    La riflettanza è il rapporto tra la quantità dell’onda termica riflessa da un corpo, e la quantità di onda termica incidente. La quantità di onda termica non riflessa viene assorbita in misura del valore 1-R.

    Che differenza c’è tra Riflettanza e Riflettanza solare?

    Sono entrambe misurate alla stessa maniera, considerando irradianze solari comprese all’interno di un certo range di frequenza. Vi sono materiali riflettenti dal comportamento fotocatalitico, che attivano la propria caratteristica riflettente se irraggiati dal sole. AFONTERMO® è un materiale in grado di riflettere sia all’interno che all’esterno, in quanto i suoi componenti riflettenti sono per loro natura riflettenti, e non in virtù di un processo di fotocatalisi.

    Che differenza c’è tra un materiale riflettente ed uno tradizionale?

    In linea generale per il principio di conservazione dell’energia, un materiale in parte riflette, in parte assorbe, in parte trasmette. Un materiale tradizionale opaco ha prevalenza ad assorbire calore, in ragione di una emissività elevata (epsilon 0,85-0,9), all’incirca pari a quella di un corpo nero. Un materiale riflettente tende invece ad assorbire una quota pari ad 1-R in ragione di un comportamento basso emissivo, pertanto il contributo all’isolamento termico è notevolmente superiore. Questo è il motivo per cui 4-6 mm di AFONTERMO® sostituiscono 13-14 cm di cappotto tradizionale.

    Perché un materiale riflettente è basso emissivo?

    L’emissività è la capacità di un corpo di irradiare calore attraverso il vuoto ad una data temperatura, rispetto a quella di un corpo nero alla medesima temperatura. In termofisica l’emissività secondo la legge di Kirchoff, è paragonata alla capacità di assorbimento del materiale: se un materiale assorbe poco, emetterà anche meno radiazione all’infrarosso. Un materiale riflettente, assorbe solamente una minima parte dell’onda termica, e pertanto ha un comportamento basso emissivo.

    Quindi cosa vuol dire basso emissivo?

    Un materiale basso emissivo emette ridotta radiazione infrarossa, sinonimo di elevata inerzia termica, ovvero se sollecitato termicamente non aumenta la propria temperatura, perché quest’ultima è in prevalenza respinta dallo stesso materiale.

    Cosa vuol dire conducibilità equivalente?

    La conducibilità equivalente è il valore estrinseco della conducibilità offerto dalla termicità del materiale unitamente alla sua caratteristica di riflettanza. In poche parole, è il risultato delle sue caratteristiche tradotto in energia nell’unità di tempo, che passa attraverso uno spessore unitario per una differenza unitaria di temperatura. Dato che i materiali riflettenti hanno spessori ben definiti (costanti), il valore di conducibilità equivalente, può essere tradotto in resistenza termica del prodotto.

    Perché AFONTERMO IL NANOCAPPOTTO® è anticondensa?

    Perché AFONTERMO® è un prodotto termico e, aderendo perfettamente al supporto, ne modifica la temperatura superficiale, quindi non si verifica più la condensazione del vapore ambientale.

    si può applicare AFONTERMO IL NANOCAPPOTTO® su guaine bituminose?

    No, è preferibile utilizzare AFONTERMO IL NANOCAPPOTTO® sull’intradosso dell’elemento opaco orizzontale.

    Come si applica AFONTERMO IL NANOCAPPOTTO® ?

    AFONTERMO® viene applicato con spatola americana in due mani, tr a una mano e l'altra attendere almeno 48 ore e, solo ad asciugatura avvenuta, applicare la seconda mano. Maggiori informazioni sono disponibili all’interno della scheda tecnica.

    Guarda il video

    Si può applicare AFONTERMO IL NANOCAPPOTTO ® su pitture lavabili?

    Non è possibile applicarlo su pitture lavabili. Pertanto vanno rimosse. AFONTERMO®non và applicato su pitture lavabili, pertanto si può applicare solo previa rimozione della pittura preesitente e stesura del nostro Fissativo.

    Quali vantaggi si ottengono a utilizzare AFONTERMO IL NANOCAPPOTTO® ?

    AFONTERMO®, dallo straordinario carattere termico, impedisce il generarsi della condensazione e delle conseguenti muffe, isola travi e pilastri annullando l'effetto dei ponti termici. Con pochi millimetri di AFONTERMO si può sostituire l'ingombro del cappotto termico tradizionale. Inoltre,AFONTERMO®, è caratterizzato da un'elevata riflettanza (R=80%) che favorisce il mantenimento della temperatura ambientale e quindi il risparmio energetico.

    In quali casi si interviene con AFONTERMO IL NANOCAPPOTTO® ?

    Su muri soggetti a muffa e condensa, per isolare termicamente ambienti di nuova costruzione o di costruzioni esistenti (idoneo a interventi di riqualificazione energetica); in sostituzione del tradizionale cappotto termico all' interno e all'esterno.

    Dove si può applicare AFONTERMO ?

    AFONTERMO® si può applicare a qualsiasi supporto: legno, vetro, ferro, ceramica ecc.; può essere applicato alle pareti interne e alle pareti esterne dell'abitazione, su travi e pilastri.

    Che tipo di pittura può essere applicata su AFONTERMO?

    Su AFONTERMO® va utilizzata solo la THERMOPITURA AFON CASAdella stessa linea.

    Si può applicare AFONTERMO IL NANOCAPPOTTO® in presenza di umidità?

    AFONTERMO®Non và applicato su muri bagnati o soggetti a umidità. Nel caso di muri affetti da umidità, va utilizzato il NOVOMUR®, l'intonaco deumidificante.

    Si può utilizzare AFONTERMO IL NANOCAPPOTTO® per eliminare i ponti termici?

    Sì, AFONTERMO®, permette di debellare definitivamente il problema dei ponti termici, eliminando il generarsi di condense e muffe.


    • Novomur
    • Velomur
    • Pitture
    • Fissativo
    • Induritore
    • Catalizzatore